Pages

mercoledì 29 aprile 2009

La Maratona di Padova



Di solito sono abituato a vedere il bicchiere mezzo pieno, quindi sono strafelice di aver concluso la mia terza Maratona e soprattutto, averla conclusa migliorando il mio PB da 3:56:56 a 3:51:34. Ma non sono proprio soddisfatto…potevo fare di più e sono convinto di non valere quel tempo ma almeno un 3:45 tempo per cui ho lavorato e che solo il caldo mi hanno impedito di raggiungere questo mio dannato obiettivo. Ma, partiamo con ordine. Se domenica ero a Padova, era per il semplice fatto che si trattava di un semplice esame di riparazione, dato che a Roma era andato tutto dannatamente storto.

Alla partenza sono tranquillo, leggo la paura negli occhi dei miei compagni di gara, sono sempre emozionato ma con la tranquillità di uno che si è preparato bene e soprattutto con la consapevolezza di saper quello che gli aspetta. Mi metto subito dietro i pacer dei 3h45, guardo il cielo e ringrazio Dio per aver coperto il cielo con le nuvole perché altrimenti saremmo morti dal caldo. La temperatura alla partenza sarà intorno ai 10/12°, l’ideale per fare una Maratona. Si parte, sono tranquillo, e il mio cardio conferma tutto questo con i battiti intorno ai 158. Il primo km lo passiamo in 5:00, per poi attestarci intorno ai 5:10 fino al 10 km dove passiamo in 51:56. L’organizzazione “veneta” si vede subito, i rifornimenti sono sempre pieni con acqua, thè o gatorade, frutta e zuccheri. Di gente lunga il percorso se ne vede poca, ma quella presente si fa sentire e le più assidue sono le “vecchiette” che ti incitano in veneto. Dal 10 km alla mezza, il ritmo viene ridotto e inizia a tararci intorno ai 5:19, in modo tale da passare la mezza in 1:50:59, oltre ogni più rosea previsione. Ma da qui iniziano i problemi…sono le 11.00 e il caldo si fa sentire, continuo a sudare tanto e di conseguenza bevo tanto. Al 25 km mangio mezza banana, il ritmo è regolare sempre sui 5:19, ma inizio a sentire la stanchezza…., le gambe iniziano a lanciare gridi di allarme ma, tengo duro. Il 30 km arriva quasi subito il passaggio sotto il cartello viene fermato in 2h38:25. Il muro del trentesimo è stato superato, ma il difficile, come sempre, arriva ora. Inizio a far fatica a star dietro ai pacer delle 3h45, perdo metri, ma cerco di recuperare e inizio questo tira e molla per 2 km…per poi fermarmi al 32 km, inizio a camminare senza neanche deciderlo, in questo momento sono le gambe che comandano sul mio cervello!!! Tutto questo dura poco, il cervello riprende le redini del comando e rinizio a correre, in fondo ho perso solo pochi secondi…il 33° km l’ho fatto a 6:24. Capisco che non posso più correre a 5:20, quindi al 34° segno un 5:37 e il 35° 5:40. Purtroppo non ne ho più, sono stremato, e durante il ristoro rallento, cerco di bere e riempire una borraccia, cammino per circa 200 metri…cercando di ritrovare le forze e il passaggio del 36° segna un pietoso 7:06, riprendo a correre segno un 5:45 al 37°, ma altro il 38 e il 39 rallento di nuovo, segnando un 6:46 e 6:22, perdo secondi su secondi, ma in questo momento l’importante non era finire in 3h45, ma finirla e basta. Sono senza energie, ma dentro di me trovo gli stimoli per finirla, penso a mia moglie e mia figlia che sono lungo il traguardo e mi rimetto a correre. Sono dentro Padova, finalmente vedo il 40°, l’ho fatto in 5:56, mi dico che va bene, arriva anche il 41° in 5:47, stò andando piano ma non importa…e finalmente, con le lacrime agli occhi, vedo il 42° in 5:35, il traguardo è lì, sento urlare Fabioooo, è mia moglie che mi urla e che inconsapevolmente mi dà la forza per fare gli ultimi, dannati ma stupendi 195 metri, mi giro verso di lei e vedo dei palloncini con scritto “Papà sei il numero 1” e “Fabio ti amo”, ed è impossibile non aumentare il ritmo…accelero a tutta, mi tolgo gli occhiali e il cappellino, e mentre passo il traguardo lancio il mio urlo liberatorio….3:51:34. Ho finito la mia terza maratona, la più dura ma forse anche la più bella. Per 30 secondi ho pensato … basta con le Maratone…ma è durato solo 30 secondi, perché c’è solo uno sport che mi sa regalare queste emozioni e non sono ancora sazio, sicuramente

15 commenti:

innovatel ha detto...

Se eri assieme alla lepre delle 3.45 mi sà che ci siamo incrociati. Le lepri 3.45 erano 2 ... eri in quella qualche metro + avanti o quella + indietro? io nella seconda.

Dai fabio, non mollare ... quel traguardo ti regala tantissimo ... e vala la pena continuare a rimetterlo in gioco ;)

Bacchini Fabio ha detto...

Io ero con con il ragazzo pelato senza occhiali...NON MOLLO NEANCHE SE MI PAGANO!!!!

innovatel ha detto...

Non mi ricordo :(

Fatdaddy ha detto...

Mollare mai, Fabio, tutti innamorati della Mara!
Peccato non esserci incrociati, forse ci riusciamo a Cortina... ;)

MauroB2R ha detto...

Complimenti!! Posso capirti benissimo, le tue sensazioni sono quelle di tutti noi runner "amatori"...bene bene bene...

Mathias ha detto...

record..e ciò è quello che conta. E se non è andata proprio come volevi, pensa che la prox volta avrai ancora più margine..
La preferita tra le tue, quella che mi è piaciuta di più è stata new york.. lì avevi fatto una gara perfetta come condotta. Sarà anche perchè l'ho seguita live.. :-)

GIAN CARLO ha detto...

Vedrai che alla prossima (Firenze 2009 ???) non sbagli

Ciccò.rre ha detto...

io, fossi stato in te, mi sarei letteralmente sciolto alla vista delle mie figlie con i palloncini eccetera

Bacchini Fabio ha detto...

@Fatdaddy: Mollare è una parola che non conosco!!! Ci vediamo sicuramente a Cortina.
@MauroB2R: Grazie mille per i complimenti...e per condividere queste sensazioni
@Mathias: hai ragione...è record, forse alla prossima (Berlino) andrà molto meglio!!!
@Giancarlo: alla prossima, cioè Berlino, andrà alla grande...3h30
@cicco.rè: infatti mi sono sciolto....e mi sciolgo tutt'ora quando vedo le foto!!!!

Daniele ha detto...

E dai che è andata bene! Non puoi mica migliorare ogni volta di un quarto d’ora.. :-) Anche se ho visto che ora punti Berlino a 3:30… Complimenti! Goditi questo 3:51!

the yogi ha detto...

sei partito troppo veloce ma sei sato bravo a non mollare! è tutta esperienza.... bel tempo, cmq!

uscuru ha detto...

non ci siamo incontrati, peccato sara' x la prox, e ci rifaremo!!!

Lucky73 ha detto...

Spettacolo gli ultmi 195 metri con addirittura i palloncini ....chissà che emozione! E complimenti per il PB, ma soprattutto per la famiglia!!!

Gianluca Rigon ha detto...

Bravo Fabio soprattutto a non mollare e bravo per il PB. Adesso Berlino ti aspetta !

Pimpe ha detto...

uhe' patacca , aggiorna il sblog e non fare il matto solo su feisbuuuck ;-)